Dove dormire in Friuli Venezia Giulia

La guida su dove dormire in Friuli-Venezia Giulia: hotel, affittacamere e appartamenti in città, al mare, in montagna e negli splendidi borghi della regione.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze
Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Scoprire il Friuli-Venezia Giulia, da sempre regione di confine in cui si respira un’aria più mitteleuropea che italiana, sarà una vera e propria rivelazione. Infatti, in una regione non troppo estesa territorialmente e non troppo popolata è possibile trovare splendide montagne, lunghissime spiagge, magnifiche città e piccoli borghi dove il tempo sembra essersi fermato.

Una gioia per i sensi, a cominciare dalle belle città di Udine e Trieste, passando per i panorami maestosi delle Dolomiti Friulane e della Carnia. Gli amanti del relax in spiaggia potranno rivolgersi senza indugi verso le famose località di Lignano Sabbiadoro e Grado, mentre chi è alla ricerca di borghi tipici, in Friuli-Venezia Giulia c’è solo l’imbarazzo della scelta: tra tutti svetta Palmanova, non lontana da Udine, che vista dall’alto ha una forma a stella a nove punte.

Per godersi tutte queste bellezze e non perdersi davvero nulla, capire dove dormire in Friuli-Venezia Giulia è fondamentale: potrete scegliere di fare base nelle città, piene di hotel e altre tipologie di alloggio, dotate di tutti i servizi e allo stesso tempo piacevoli da visitare e a misura d’uomo, oppure dirigervi verso le montagne, dove troverete piccoli villaggi e paesini caratteristici. Non perdetevi infine gli alberghi sul mare a Lignano Sabbiadoro e Grado, molto spesso con piscina e dotati di tutti i comfort.

Le città

Trieste, Udine, Pordenone e Gorizia sono i 4 ex capoluoghi di provincia del Friuli-Venezia Giulia. Oggi le province nella regione sono state soppresse, ma esse rimangono ancora le città più importanti e più popolate.

Trieste è una piacevole scoperta: affacciata sul mare e dotata di uno dei porti italiani più trafficati, è una città ricca di storia e cultura e si merita senza dubbio una visita. Dormire a Trieste conviene anche per chi vuole recarsi nella vicina Slovenia o in Croazia, dato che si trova praticamente sul confine. Fermandosi a Trieste, in centro vale la pena visitare la centralissima piazza Unità d’Italia, che si affaccia direttamente sul mare. Qui si trova il municipio comunale, la prefettura e il palazzo della giunta regionale del Friuli-Venezia Giulia. Molto bella anche la basilica di San Giusto, la cattedrale cittadina, che si trova sulla vetta del colle San Giusto, che domina Trieste dall’alto.

Anche Udine è una città molto bella da visitare, capitale storica del Friuli e luogo ideale dove dormire per scoprire la regione, dato che si trova praticamente nel suo centro geografico. Alloggiando qui avrete a portata di mano alcuni splendidi monumenti medievali, come il castello, situato su una collina, il duomo, la loggia del Lionello, il palazzo Arcivescovile dove si possono ammirare affreschi del Tiepilo, o piazza della Libertà, costruita in stile tipico veneziano. Dopo un aperitivo o una passeggiata tra piazza Matteotti e via Mercatovecchio, riposatevi in uno dei numerosi alberghi, affittacamere e B&B della città.

Le altre due città principali del Friuli sono Pordenone e Gorizia. Sono decisamente meno turistiche e più piccole rispetto a Trieste e Udine, ma vale comunque la pena trascorrerci una giornata: A Pordenone potete ammirare il bel campanile del Duomo, alto ben 72 metri, e il bel palazzo comunale, risalente alla fine del 1200, mentre Gorizia, all’ombra del suo castello, è praticamente la città gemella della slovena Nova Gorica, che ne rappresenta un’estensione verso est.

La montagna: la Carnia e le Dolomiti friulane

I paesaggi montani del Friuli-Venezia Giulia sono tra i più belli d’Italia. In questa zona, molto meno turistica delle classiche dolomiti dell’Alto Adige o del Veneto, gli appassionati di montagna troveranno vette innevate, foreste secolari, prati, laghi e fiumi, tutto all’insegna di una vacanza attiva all’aria aperta. Le zone dove dormire in montagna in Friuli-Venezia Giulia sono molte, principalmente nelle due aree principali della Carnia e delle Dolomiti Friulane.

La Carnia comprende la zona delle alpi Carniche e le sue valli circostanti. Incastonata tra Austria, Veneto e Udine, questa regione ricca di tradizioni è una splendida scoperta, con vette che arrivano fino ai 2694 metri del monte Peralba e quattro valli principali, dette anche canali, ognuna delle quali percorsa da un fiume: sono la val Degano, la valle del But, la val Chiarsò e la val Tagliamento. Molto belli i laghi, come il lago di Cavazzo, il lago di Sauris e il lago Avostanis, mentre una parte della zona è inclusa nel parco intercomunale delle colline carniche.

Per dormire nella Carnia, le principali località sono Arta Terme, dove vi è anche una sorgente naturale sulfurea, Forni di Sopra, con splendidi paesaggi e una zona sciistica che attrae turisti anche d’inverno, Prato Carnico, Sauris e Tolmezzo. Quest’ultimo è il capoluogo storico della regione, situato lungo il corso del fiume Tagliamento e vicino al lago di Cavazzo.

Le Dolomiti Friulane invece sono l’estensione di quelle venete, e sebbene ricevano molti meno turisti, fanno anch’esse sognare per la bellezza dei loro paesaggi. L’area è parte del parco naturale delle Dolomiti Friulane, che si estende per quasi 40 mila ettari, tra i fiumi Piave, Tagliamento, Meduna e Cellina.

La cima più alta del parco delle Dolomiti Friulane è la Cima dei Preti, con oltre 2700 metri di altitudine, seguita dai monti Duranno, Cridola e Pramaggiore. Vale la pena visitare l’Alta Val Tagliamento e le altri valli della zona, tra cui la valle del Vajont, tristemente nota per il disastro del Vajont del 1963 in cui, a seguito del crollo della diga sul torrente omonimo persero la vita quasi 2000 persone. Oggi è possibile rivivere quei momenti visitando la nuova diga, ricostruita pochi anni dopo, e prendendo parte alla corsa non competitiva chiamata “I percorsi della memoria“, che si svolge ogni anno e permette ai partecipanti anche di attraversare le strutture all’interno della montagna.

Per visitare le Dolomiti Friulane consigliamo di dormire a Forni di Sotto, Barcis o Cimolais. Non ci sono tantissimi alberghi e i paesi sono tutti piuttosto piccoli: pertanto meglio prenotare l’hotel, appartamento o B&B con congruo anticipo.

Al confine con l’Austria e la Slovenia vale infine la pena di menzionare Tarvisio. Questa cttadina di poco più di 4000 abitanti è un’ottima scelta dove dormire per esplorare quest’angolo del Friuli-Venezia Giulia. In centro, oltre al duomo quattrocentesco dei santi Pietro e Paolo, vale la pena visitare le numerose chiese e gli eleganti palazzi, mentre nei dintorni una delle mete che vale assolutamente la pena visitare è il Monte Santo di Lussari, sulla cui cima si trova un convento costruito nel XVI secolo. D’estate base di partenza – o di arrivo – per bellissime passeggiate in montagna, il monte Lussari è anche una piccola stazione sciistica. Nei dintorni di Tarvisio si trovano anche altre attrazioni davvero interessanti: i laghi di Fusine superiore e inferiore, il lago del Predil e l’orrido dello Slizza.

I borghi più belli del Friuli-Venezia Giulia

Sono molti i borghi del Friuli-Venezia Giulia che si meritano una visita, sparsi più o meno uniformemente su tutto il territorio regionale, dalle montagne al mare, passando per le belle pianure dell’entroterra.

Nominiamo ad esempio Poffabro, in Val Covera, noto per i suoi presepi che si tengono nel periodo natalizio, mentre nelle pianure del Tagliamento si trova Valvasone, con un bel duomo del XII secolo e un bel castello, che durante i secoli ha ospitato anche Napoleone.

Famoso anche Spilimbergo con le sue torri e Cordovado, parte dell’associazione dei borghi più belli d’Italia. Vicino Udine si visitano bene in giornata due fantastici borghi, che sono Cividale del Friuli, nota per il suo ponte del Diavolo, e soprattutto Palmanova, che vista dall’alto ha un’incredibile forma di stella a nove punte, un’antica fortezza veneziana del XVI secolo.

Per visitare i borghi situati nei dintorni di Trieste conviene proprio scegliere la città come sede dove dormire, e fare gite di un giorno verso Duino, il cui simbolo è il suo castello che si affaccia direttamente sull’Adriatico, e Muggia, al confine con la Slovenia, con una serie di interessanti edifici da visitare, come il castello e il Duomo.

Mare in Friuli-Venezia Giulia

L’ampia laguna di Marano contraddistingue per buona parte il litorale del Friuli-Venezia Giulia, interamente affacciato sulla punta nord del Mar Adriatico. Potrebbe sembrare strano ma è qui che si trovano le due principali località di mare della regione, Lignano Sabbiadoro e Grado, situate alle due estremità opposte della laguna.

Partiamo da ovest. Qui, a poca distanza dal confine col Veneto si trova Lignano Sabbiadoro, dove si trova una lunghissima spiaggia sabbiosa attrezzata, in cui si sussegue uno stabilimento balneare dopo l’altro. Per dormire a Lignano Sabbiadoro le alternative non mancano di certo: ci sono tantissimi hotel vista mare, che si affacciano direttamente sulla spiaggia. Completano l’offerta turistica della località un’ampia serie di ristoranti, bar e locali per il divertimento notturno.

All’estremità est della laguna di Marano si trova invece Grado. E’ una cittadina molto piacevole, dotata di due spiagge separate dal centro storico. Dormire a Grado consente certamente di fare vita da spiaggia, ma allo stesso tempo è un’ottima base per scoprire le località dei dintorni, dato che si trova in posizione centrale rispetto a numerose attrazioni del Friuli-Venezia Giulia.

Infine, il lungomare di Trieste e dintorni, che poi sconfina in Slovenia, non è una vera e propria meta per le vacanze al mare. Tuttavia è possibile approfittare di qualche ora di relax in spiaggia sfruttando gli stabilimenti cittadini Ausonia e La Lanterna, mentre vicino al castello di Miramare si trova la spiaggia dove sorge lo stabilimento Sticco. Sul lungomare di Barcola l’accesso all’acqua avviene dagli scogli e dalle terrazze. Nominiamo infine Portopiccolo, un luogo chic sorto sulle rovine di una ex cava romana, trasformata in porto turistico con tutti i servizi possibili.

Verifica disponibilità e tariffe

Utilizza il form seguente per verificare in tempo reale la disponibilità e i prezzi delle camere.

Cerca Hotel, B&B e Case vacanze
Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Approfondimenti

Dove dormire a Lignano Sabbiadoro

Dove dormire a Lignano Sabbiadoro

Le migliori strutture dove dormire a Lignano Sabbiadoro, importante località balneare del Friuli-Venezia Giulia, che attrae ogni anno migliaia di turisti.
Dove dormire a Forni di Sopra

Dove dormire a Forni di Sopra

Consigli per dormire a Forni di Sopra, comune friulano al confine con l'Austria. Una selezione dei migliori Hotel, B&B e appartamenti a Forni di Sopra.

Località nei dintorni